Articoli

La Storia

L'Accademia Nazionale dell'Olivo è stata fondata il 12 giugno 1960 a Spoleto, in ragione di una centralità geografica e di una tradizione nella ricerca scientifica in campo olivicolo ed oleario che ha consentito alla città l’acquisizione di una posizione di privilegio nel commercio delle varie categorie merceologiche di olio di oliva. L’Accademia è stata riconosciuta con personalità giuridica nel 1982 ed ha assunto la denominazione di "Accademia Nazionale dell’Olivo e dell'Olio” con D.P.R. n.361/2000. I Presidenti succeduti nella carica sono stati dalla fondazione il sen. G. Salari (1960 – 1979) ed il prof. N. Jacoboni (1979 – 1998) Il presidente attualmente in carica dal 1998 è il prof. GF. Montedoro. Il sodalizio conta 257 Soci tra Onorari, Ordinari, Corrispondenti e Sostenitori appartenenti a diverse categorie d’interesse del settore: giuristi, economisti, tecnologi, agronomi, industriali, addetti al marketing, museologi, chimici, dirigenti di istituzioni pubbliche e private, ricercatori, docenti e divulgatori. Numerosi sono gli stranieri che appartengono all’Accademia: greci, spagnoli, argentini, israeliani, rumeni. Tra gli scopi, quelli di maggiore interesse riguardano la promozione di studi, ricerche e discussioni sui maggiori problemi concernenti l'olivo ed i suoi prodotti; l'organizzazione di convegni, seminari e la trattazione dei più vitali problemi di ordine tecnico-economico, giuridico e nutrizionale nel quadro dell’agricoltura e dell'economia nazionale ed internazionale; l’assunzione di iniziative concernenti la realizzazione di mostre olivicole regionali, nazionali e internazionali; il collegamento, nello svolgimento del proprio lavoro, con le istituzioni pubbliche e/o private nazionali ed internazionali. Infine realizza la costituzione di un apposito "Albo" avente lo scopo di riunire tutti coloro che, sotto diversi aspetti, contribuiscono alla esaltazione nell'ambito sociale, economico, artistico e letterario dell'olivo e dei suoi prodotti, in accordo con gli obiettivi indicati nell'articolo 1 dello Statuto. Tra le attività più significative ed allo stesso tempo esemplificative si ricorda come già nel 1962 organizza il primo Convegno Nazionale sulla Olivicoltura Italiana. Negli anni che vanno dal 1969 al 1971, organizza ben 12 tavole rotonde il cui tema di fondo ebbe come titolo "La ricostituzione della olivicoltura tradizionale", per evidenziare i vari modelli di conduzione e le caratteristiche del patrimonio olivicolo. Nell'ambito della valorizzazione dell’olio, sempre nel 1962, ad opera dell'allora sottosegretario all' Agricoltura, senatore e avvocato Giuseppe Salari nonché presidente e fondatore della stessa Accademia, partecipa attivamente alla stesura della prima classificazione degli oli commestibili. Successivamente ha continuato a collaborare alla revisione della stessa classificazione al fine di renderla sempre più chiara e trasparente nei riguardi del consumatore, fino all'ultima emanata con il Reg. U.E. 2568/91. Altre attività di interesse economico del settore hanno riguardato la partecipazione a programmi finalizzati .

Informazioni aggiuntive